Conoscere il proprio corpo

Conoscere bene il proprio corpo e soprattutto sentire quello che il corpo ci manifesta è certamente un esercizio che soprattutto le donne, a causa dei loro problemi collegati al ciclo riproduttore, devono imparare a fare. Spesso quando si utilizzano anticoncezionali per molti anni il corpo tende ad “addormentarsi” e questo non fa di certo bene al nostro fisico e neppure ci permette di controllare l’andamento del nostro corpo e di sentirlo in ogni minimo cambiamento.

Le cause di fastidi alle ovaie

Il più delle volte il dolore alle ovaie è legato all’ovulazione quindi si verifica intorno al quattordicesimo giorno dall’inizio del ciclo mestruale e non dura parecchio, giusto il tempo di rilasciare l’ovulo maturo per poter essere fecondato o meno. Insieme a questi dolori avremo sicuramente notato delle perdite mucose. I dolori alle ovaie non sono mai in contemporanea perché queste funzionano una alla volta e il dolore corrisponde a quella in funzione in quel momento. Per alcune donne il fastidio ovarico è più antipatico di altre che invece lo vivono con meno dolore ma non c’è da preoccuparsi in quanto tali fastidi sono sintomo di un’attività corretta del nostro apparato riproduttore.

Gravidanza extrauterina e cisti ovariche

Il dolore alle ovaie può essere anche sintomo di gravidanza ma se associato a perdite di muco e di sangue potrebbe trattarsi di una gravidanza extrauterina quindi bisogna rivolgersi a un medico. Altri problemi che hanno come sintomi il dolore alle ovaie sono le cisti ovariche, sacche di liquido che si formano all’interno o all’esterno delle ovaie e portano con se dolori anche alla schiena. Soltanto un’ecografia pelvica può aiutarci svelarci qual’è il problema.

Rimedi

Per alleviare i dolori alle ovaie nel caso di ciclo mestruale o di gravidanza i rimedi sono sempre gli stessi, riposo e borsa dell’acqua calda nel basso ventre, analgesici e tisane rilassanti. Non lasciamoci infastidire e rovinare le giornate da questi piccoli dolori, affrontiamoli nel migliore dei modi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *